Arrestato stupratore, in carcere lo accolgono dandogli fuoco ai genitali

RUSSIA - ll terribile episodio ha avuto luogo in una cella del carcere di Zelenograd, a circa 40 km da Mosca. La vittima, Andrei Fateev, di 45 anni, era stato accusato di aver violentato 5 donne ed era stato incarcerato sei mesi fa in attesa del processo per stupro e rapina. L’incidente, che è avvenuto lo scorso 31 dicembre, è stato reso noto solo in questi giorni e rappresenta l’ultimo episodio delle violenze subite dall’uomo da parte dei compagni di cella, a causa probabilmente degli stupri per cui era stato condannato. Andrei è statoricoverato d’urgenza in ospedale e si trova in questo momento in coma con fratture al cranio e alle costole ed i genitali bruciati. Interrogati, i suoi compagni di cella hanno affermato di non aver udito nulla e hanno negato qualsiasi coinvolgimento, sostenendo che l’uomo si sia fatto male cadendo dal letto e facendosi male in testa. Per quanto riguarda i genitali, l’ustione sarebbe dovuta al prolungato contatto con il radiatore avvenuto a seguito della caduta. I medici che l’hanno preso in cura hanno però affermato che non può essersi fatto male da solo.
L’uomo è stato accusato di essere uno stupratore seriale: aspettava le sue vittime nei pressi dei nightclub più in della zona a bordo della sua auto, una Bmw X5. Offriva alle donne ubriache un passaggio per accompagnarle a casa, ma le portava invece in un posto sicuro da occhi indiscreti dove abusava di loro dopo averle minacciate con la pistola. Il caso è stato preso in consegna dalle autorità carcerarie ma il direttore della prigione, Dimitri Konarev, è scettico riguardo al coinvolgimento dei compagni di cella: “Non posso confermare che sia stato picchiato dai compagni di cella. Per quello che ne so potrebbe anche esseri auto-inflitto una punizione”. Le indagini nel frattempo continuano per ricostruire l’esatta dinamica degli eventi.

Clicca qui per tutte le altre notizie assurde!
Clicca qui per condividere su FaceBook
   
   
   

Cerca in BakOOm  

   

Aggiungici su FB  

   
© BakOOm